Your address will show here +12 34 56 78
Blog, Trends

atura d’inverno? La risposta è si!
Un trend davvero non convenzionale per la stagione fredda, ma davvero cool quest’anno è il tema naturale. In questa stagione A-I 2017/2018 abbiamo visto sfilare in passerella maxi-dress, camicie, gonne e giacche in un tripudio di stampe floreali, foliage e cortecce.
Nuances sobrie e calde richiamano le sfumature di stagione, spingendosi fino ai più intensi rosso e viola, donando al nostro look un appeal sofisticato e superfemminile. keep reading

0

Blog, NEWS

Un’atmosfera intima e realistica, lontana dalla sensualità e dal glamour patinato cui il brand ci aveva abituati. La nuova campagna per la pre-fall 2015/16 di Gucci è l’ennesima conferma della virata stilistica della maison fiorentina, dopo la nomina di Alessandro Michele a direttore creativo.

Se i capi, infatti, sono quelli disegnati da Frida Giannini – che ha lasciato la griffe dalla doppia G lo scorso gennaio – il concept è del suo successore e rispecchia appieno il new deal del marchio.

Palese e d’effetto il contrasto tra gli abiti e l’immagine: i vestiti e gli accessori sono quelli dell’ultima collezione firmata Frida prima dell’addio, la visione, invece, è nuova, fresca, metropolitana. Lo stile è quello narrativo, il mood è contemporaneo e basato sull’osservazione.

Dietro la macchina fotografica, dopo anni di sodalizio con Mert & Marcus, stavolta, Glen Luchford. E nel team, selezionato da Alessandro Michele, anche Chris Simmonds, art director; Joe McKenna, stylist; Paul Hanlon, hair stylist; Yadim Carranza, make up artist.

Mara Franzese

0

Blog, NEWS

È ufficiale. Alessandro Michele, 42 anni ed ex allievo dell’Accademia Costume e Moda di Roma, è il successore di Frida Giannini alla direzione creativa di Gucci. Nominato già direttore creativo di Richard Ginori lo scorso settembre, ha un bagaglio di esperienza di oltre 12 anni nel Design Office di Gucci e tanta voglia di fare, come ha dimostrato qualche giorno fa. In occasione di Milano Moda Uomo, infatti, è stato lui ad uscire in passerella alla fine della sfilata menswear autunno inverno 2015-16, dopo aver ricostruito la collezione, insieme al suo team creativo, in meno di una settimana. keep reading

0

Blog, Fashion Show, MODA UOMO

Le ultime due giornate di sfilate meneghine possono riassumersi sotto una sola parola: Gucci. Una collezione preparata in sette giorni, dopo l’addio anticipato di Frida Giannini, dal suo braccio destro Alessandro Michele. Un uomo nuovo, decisamente lontano dalla silhouette Gucci a cui siamo abituati: un look romantico, vagamente 70’s, che attinge dal guardaroba femminile in fatto di lunghezze e materiali. Il pizzo delle t-shirt spunta dai pull corti, i pantaloni palazzo si fanno morbidi e i capispalla si accendono di colori decisi e forti. Il floral delle camicie incontra, inaspettatamente, i motivi rigorosi degli abiti asciutti. Un’anticipazione del Gucci che sarà? Probabile.

fendi1

Un uomo boho-chic che non perde di vista le peculiarità che da sempre ne delineano lo stile, è quello sceso in passerella da Fendi: il velluto incontra la pelle, materiale da sempre caro a Silvia Venturini Fendi. I capispalla sono preziosi: il montone si alterna alla pelle dei trench stretti in vita, sapientemente posti sui morbidi maglioni effetto dégradé. Gli accessori attingono dall’universo street e spaziano dai comodi zaini alle capienti borse weekend.

canali1 Decisamente più formale e rigorosa è la proposta di Andrea Pompilio per Canali. Il doppiopetto dei cappotti la fa da padrone, insieme alle righe e alle stampe grafiche. Non c’è spazio per il casual, tutto è un crescendo di eleganza silenziosa: gli smoking dal taglio classico con dettagli in raso ne sono la testimonianza.

msgm1

Chiude la nostra carrellata milanese MSGM. Giorgetti propone il più classico dei guardaroba maschili. Tutti i capi essenziali sono presenti: cappotti, giacche denim, cinquetasche, comode felpe e camicie. La silhouette è quella cara al marchio, aderente e ben strutturata. Più che su lunghezze e volumi, la collezione si sviluppa attorno a pattern e stampe: animalier e vaghe eco spaziali sono il punto di forza dei dettagli che fanno la differenza.

Andrea Pesaola

0

Blog, NEWS

Sono 15 i nuovi talenti del fashion protagonisti di questa edizione di Milano Moda Donna. E proprio a uno di loro è toccato aprire lo show della moda milanese. Si tratta della giovane designer, Chicca Lualdi, che per il suo “BeeQueen” ha portato in passerella capi raffinati e moderni, femminili e portabili. Tra motivi geometrici, ricami e trasparenze, la primavera estate pensata dalla stilista è fresca e giovane. Le gonne corte presentano uno strascico nella parte posteriore, quelle lunghe scivolano alla caviglia e sono molto versatili, perfette sia per il giorno che per la sera. La palette cromatica è delicata e si compone di nuance pastello, ideali per la stagione calda.

Angelos Bratis - Runway - Milan Fashion Week Womenswear Spring/Summer 2015 keep reading

0

Blog, Fashion Show

A scendere in passerella nella prima giornata di fashion week milanese Angelo Marani con la sua collezione autunno inverno 2014 2015. S’ispira all’arte il designer in un mixage di contaminazioni che arrivano dall’Impressionismo francese e dal Secessionismo viennese, dal Liberty anglo-americano e dal Deco e Jugendstil tedesco. Gli overcoat matelassé guardano a Klimt e ai suoi celebri ori, i kimono dalle maniche svolazzanti in chiffon sembrano vedute dipinte en plein air. I coat-abiti dalle linee pulite ed essenziali vengono arricchiti da tasselli e zip in un gioco di ingegnose strutture che rendono i capi versatili e trasformabili. Protagonista assoluto della collezione, un visone con 220 intarsi, la Twenty Century Fur.

Byblos-fw-14-15-sfilata

E’ una cyborg queen la donna Byblos. Futuristica, eterea e siderale, indossa, però, bustier e crinoline dal sapore vittoriano. Bianco, nero e rosso sangue sono i colori prediletti dal direttore creativo Manuel Facchini per la prossima stagione invernale. Gli abiti in seta sono impreziositi da inserti in pelle, le camicie leggere di chiffon hanno le maniche ampie, la felpa è in neoprene ed è decorata da stampe dal gusto rock.

Gucci-fall-winter-14-15-immagine-sfilata

Dà un taglio al passato Frida Giannini e riparte dal ricco heritage della maison Gucci portando in passerella una collezione che racchiude in sé tutto il DNA del brand. Abiti presi in prestito dal guardaroba maschile si caratterizzano per le linee asciutte e rigorose e per i tagli sartoriali che rendono la collezione preziosa, ma senza ostentare. La sera s’illumina di cristalli dipinti a mano che brillano su miniabiti in pelle. Il morsetto viene stilizzato e gli stivali si declinano in pitone colorato.

Frankie-Morello-autunno-inverno-2014-15

Frankie Morello presenta l’età dell’inquietudine richiamando l’atmosfera del film di Sofia Coppola “The virgin suicides” e presenta una collezione ricca di contrasti. Il bianco e il nero, la sensualità e l’innocenza, la trasparenza e l’opacità s’incontrano in un autunno inverno che gioca di sovrapposizioni di stampe e di texture. Le calzature maschili esaltano la femminilità delle sottogonne di chiffon.

Alberta-Ferretti-a-i-14-15-sfilata

Sfilano le creature di un bosco incantato da Alberta Ferretti che veste le modelle dei colori della terra, dal verde militare ai marroni declinati in ogni variante. In un tripudio di organze, pizzi e piume prendono vita stampe di boschi popolati da uccelli su abiti che si rifanno al mondo della natura.

N21-alessandro-dell-acqua-fall-winter-2014-15-sfilata

Alessandro dell’Acqua per N21 coniuga il maschile e il femminile in una collezione in cui prevale il tomboy style ma con accorgimenti romantici e iperfemminili. E così il maglione a costa inglese si abbina amabilmente alla gonna trasparente in chiffon, la polo minimale si fa abito e si colora di fantasie iridescenti, il Beatle boots viene impreziosito dai maxi jais total black. Il risultato è un collage di capi intercambiabili che possono declinarsi in una miriade di look differenti.

Fausto-Puglisi-fw-14-15

Fausto Puglisi rivisita la statua della libertà e ce la propone in versione pop su stampe dalle geometrie irregolari che colorano felpe, tshirt e giacche con inserti in pelle. Le gambe si scoprono esaltando tutta la sensualità di una donna rock chic che indossa gonne corte in diverse varianti, a corolla o scolpite come quella delle ballerine.

Francesco-Scognamiglio-autunno-inverno-2014-15

A chiudere il primo giorno di moda a Milano Francesco Scognamiglio che fa sfilare colori vitaminici su jumpsuit e abiti fluidi ricchi di dettagli artigianali come pizzi e trasparenze. Lo stilista propone una donna seducente e misteriosa, eterea e dannata, dall’allure dark. La palette cromatica si gioca sul bianco, sul nero e sul grigio con applicazioni dall’accento barocco con sprazzi di rosso e arancione.

Mara Franzese

0

Blog, Fashion Show, NEWS

Francesco Scognamiglio

Un link diretto alla collezione invernale scorsa quello che Francesco Scognamiglio manda in passerella. Una donna iper sofisticata fasciata nel corpo da sensuali architetture e intriganti ricami in pizzo resi ancora più voluttuosi da trasparenze lascive. Ispirazione berniniana, nelle linee ricercate della purezza, rese dinamiche dalle immancabili presenze di da ruches, volant e balze applicate agli abiti in odore couture. Collezione estremamente sofisticata sia nella palette di colori (pesca, nero, bianco ottico, verde menta) sia nei tessuti (shantung di cotone, pizzo, seta, perle dècor).

Ritorna anche in questa collezione l’uso di metalli gioiello, bracciali e cinture in oro, scarpe scultura, a fasce in pelle o pizzo; collant a pois con applicazioni dècor metiante l’utilizzo di piccole borchie sferiche dorate o inserti di pizzo.

Gucci

Dopo la raffinata collezione invernale con glamorous  e sensualissima donna gangster, Frida Giannini non sbaglia nemmeno questa collezione.

Glamour architettonico è la parola d’ordine del direttore creativo della Maison. Ispirazione artistica per l’estate 2012, nei ritratti di Man Ray di Louise Brooks e Nancy Cunard, nei building di William Van Alen. Riferimenti diretti all’ Art Déco e al grafismo ottico nelle stampe che arrivano alla terza dimensione mediante una tecnica artigianale di ricami.

Giacche mini su pantaloni lunghi a vita alta, abiti mini block color e camicie oversize. Abiti Charleston con frange. Anche in questa collezione predominanti i colori.

Bianco e nero uniti all’oro predominano la palette, arricchite da lampi di mandarino e smeraldo. I materiali sono preziosi, predomina l’effetto metallo nelle micropailletter e i cristalli, e poi tulle, seta, chiffon, baguette  di metallo, plexiglass intagliato e cristalli sfaccettati. Tra gli accessori da segnalare gli anelli e bracciali rigidi con teste di tigre smaltate!

Un must per la prossima estate 2012.

0