Your address will show here +12 34 56 78
Blog, Interviste, People, Rubriche

uel camilo

Un amore, quello per la moda, nato da bambino. Un sogno nel cassetto che inizia a realizzarsi a soli 18 anni – grazie alla collaborazione con un atelier di haute couture brasiliano – e che si trasforma in un progetto concreto, prendendo definitivamente forma nel 2007 con il trasferimento a Milano. Uel Camilo è un giovane talento internazionale che ha scelto il Bel Paese come patria della sua maison. Noi lo abbiamo intervistato per farci raccontare qualcosa di più. keep reading

0

Blog, Talents, Trends

Prendete Vienna e il suo classicismo settecentesco. Lasciatevi trasportare per un momento dalle armoniche sinfonie di Mozart e Beethoven. Vi ritroverete così nel mondo dal quale parte l’ispirazione per la collezione FW2015|16 di Trenta7 by Eleonora Moccia.

Tra armonia ed eleganza, antichi palazzi e teatri, drappeggi e rossi sipari di velluto, l’immaginario rococò della designer si traduce così nelle nappine alla caviglia di decolleté con calzino o scollate, nei mocassini bicolor, nelle chiusure a cartella interscambiabili e negli stivali dal mood soldier.

trenta71 trenta72 Accanto alla classica nappa e vitello, ecco che la designer romana, classe 1981, accosta il velluto e il raso, fino ad elementi in eco-fur dai colori accesi. La palette cromatica spazia dal giallo senape, al viola, al verde salvia, passando per il nero assoluto, il blu ottanio fino a un iconico oro.

Martina Briotti

0

Blog, Interviste

portrait daricelloLa forte e innata passione per la moda e un desiderio irrefrenabile di esprimere la propria creatività hanno spinto Sergio Daricello molto lontano: dopo varie esperienze lavorative con grandi nomi della moda, questo giovane designer siciliano ha fondato il suo omonimo brand, dal quale emerge una forte attenzione per i dettagli, per l’importanza della sartorialità italiana e per la ricerca di materiali preziosi, definendosi, in questo modo, un marchio Pret-à-couture. daricello 7

Sergio Daricello sostiene il Made in Italy e la tradizione italiana, con uno sguardo, però, al futuro: le sue collezioni nascono da profonda sperimentazione e tessuti di alta gamma incontrano tessuti tecnici, per un risultato di grande qualità e ricercatezza estetica. Uno stile unico che sostiene l’artigianalità e una femminilità forte, ma delicata allo stesso tempo. La sua ultima collezione SS14 è ispirata a “Roma” di Federico Fellini e ai volumi e alle forme degli abiti talari, con i quali il designer ha giocato per creare abiti sobri, eleganti, ma sensuali. Abbiamo chiesto a Sergio Daricello di parlarci di sé e delle sue creazioni.

Leggete che cosa ha raccontato a DModa. keep reading

0

Blog, Talents

_X1A0058Un vestito che diventa una tuta o una gonna un gilet. Lo stesso concetto di abito si trasforma e si evolve per Wàla Lab, brand romano nato nel 2010 delle esperienze di Giorgia Feliciano e Fiorenza Molli. Unendo la moda e la sartorialità all’industrial design, le due giovani designer danno vita a creazioni dinamiche, multifunzionali e trasformabili: abiti e accessori camaleontici che permettano alle donne di giocare e di reinventarsi, rappresentando se stesse a seconda del proprio umore e dei propri desideri. keep reading

0

Blog, Talents

davide-ercolani-ritrattoDavide Ercolani, classe 1991, è uno stilista marchigiano trapiantato a Milano, una laurea in fashion design conseguita presso lo IED Moda Milano e un curriculum di tutto rispetto. Nonostante la giovane età, può infatti vantare alcune interessanti esperienze, come la recente collaborazione con il gruppo Rinascente per il progetto “Campaign for Wool” – patrocinato da Milano Unica e The Woolmark Company, per il quale ha realizzato un outfit maschile in esclusiva – e la partecipazione al “MUUSE x VOGUE TALENTS Young Vision Award 2013” che lo ha visto classificarsi tra i finalisti con la sua collezione di debutto “Life As Vita”. Lo abbiamo intervistato per voi.

Com’è nata la tua passione per la moda?

Fondamentali sono stati gli anni del liceo classico, che mi hanno fornito le basi per riconoscere il bello in tutte le sue forme. È in questo periodo che mi sono avvicinato alla moda, cercando di carpirne ogni aspetto, dall’estetica al marketing.

Parlaci della tua collezione di debutto, “Life As Vita”. A cosa ti sei ispirato?

La collezione è un omaggio a mia nonna Vita, una vera power woman che negli anni ’50 aprì un laboratorio di maglieria nel nostro piccolo paese dell’entroterra marchigiano, partendo poi alla volta di New York per vendere i capi prodotti. Questo è stato il punto di partenza per la collezione. Ho focalizzato l’attenzione sui volumi, che richiamano elementi del power dressing, mentre per le linee, le geometrie e la scelta dei colori mi sono ispirato a Manhattan, ai suoi grattacieli imponenti, al traffico notturno con i fasci luminosi delle auto che si stagliano nel buio.

davide-ercolani-life-as-vita

Chi è la tua icona di stile?

In realtà non ne ho una. Il mio riferimento sono le persone che mi circondano, la gente che incontro per strada, i miei amici. Vorrei vedere i miei capi indosso a “persone reali”. Per me è molto importante realizzare qualcosa di desiderabile ma anche di portabile. Non voglio creare opere d’arte. Mi piace coniugare estetica, ricerca e sperimentazione a funzionalità e praticità.

Progetti per il futuro?

Il mio sogno è quello di realizzare delle capsule che portino il mio nome. Ma sono consapevole di avere ancora molto da imparare. Mi piacerebbe disegnare per grandi marchi italiani come Dolce & Gabbana, o Giorgio Armani. Sono un grande estimatore del Made in Italy. Vedere la gente indossare “pezzi d’Italia” quando sono all’estero mi rende orgoglioso.

Cosa avresti fatto se non avessi scelto la moda?

Non ho mai pensato di fare altro nella vita. Mi reputo molto fortunato nel poter fare quello che mi piace. Trovo che il mio sia uno dei lavori più belli e stimolanti che ci siano.

Marilina Curci

0

Blog, Fashion Show, NEWS

Estrema pulizia per la primavera estate 2014 del designer brasiliano Pedro Lourençeko presentata durante la Paris fashion week. Sperimentazione e tradizione, tecnologia e tecniche artigianali si fondono in una collezione basata quasi esclusivamente sull’alternanza del bianco e nero, ad eccezione delle baschine che intervengono a dare un tocco di colore.

pedro lourenco

Strati ultra-sottili di tessuto tagliati al laser imitano la precisione di una stampa digitale. Un nuovo pizzo high-tech lascia intravedere la pelle nuda, giochi di luce regalano degradè di nuance uniche.

di Mara Franzese

0

Blog, Fashion Show, NEWS

Tagli netti e puliti per la collezione Spring Summer 2014 di Marco De Vincenzo della scorsa Milano fashion week. Il talentuoso designer siciliano concentra l’attenzione su materiali e pattern, rimanendo fedele a quell’universo stilistico fatto di sperimentazione e alto artigianato che da sempre lo contraddistingue. Il risultato è uno stile femminile ed estremamente sofisticato, rintracciabile nei plissé soleil delle gonne in pelle, nelle bluse a scatola delicatamente ricamate, nei mini dress e nelle felpe in pizzo sangallo.

milano-fashion-week-de-vincenzo-ss-2014

Ispirazione nipponica per la collezione ss2014 Gabriele Colangelo che porta in passerella abiti a uovo, giacche kimono, completi lineari e ampi pantaloni alla caviglia all’insegna di un’essenzialità raffinata che si impone anche nella palette cromatica, caratterizzata dalle tonalità neutre del bianco, dell’avorio, del cenere e del cipria, fino ad arrivare al blu notte e al nero.

milano-fashion-week-colangelo-ss-2014

Linee fluide e drappeggi caratterizzano la collezione di Angelos Bratis, al suo debutto sulle passerelle della Milano Fashion Week. Per la primavera estate 2014 lo stilista greco punta su una femminilità rilassata, proponendo abiti fluttuanti in popeline di seta, pantaloni pijama, bluse asimmetriche e ampie tuniche alla caviglia  abbinate a sandali flat dal design minimale.

milano-fashion-week-bratis-ss-2014

Colore è la parola d’ordine per Stella Jean che strizza l’occhio agli anni dorati della Dolce Vita, rielaborando gonne a ruota, abiti a tubino e corsetti attraverso la ‘Wax & Stripes Philosophy‘, quel mix suggestivo di tessuti wax, bon-ton anni ’50 e camiceria maschile che le è peculiare.

milano-fashion-week-stella-jean-ss-2014

Delicata ed eterea la donna di Andrea Incontri, che punta su giochi di proporzioni e silhouette architettoniche volte a conferire alla figura dinamicità e leggerezza. Micro abiti e morbidi long dress in organza di seta sono i protagonisti indiscussi della collezione insieme a stampe e ricami che disegnano nuotatrici, linee rette, acrobate, ballerine e fiori.

milano-fashion-week-andrea-incontri-ss-2014

Atmosfere esotiche e colori vibranti per  MSGM, il brand di Massimo Giorgetti che porta in passerella una collezione scandita da sovrapposizioni e stampe ispirate al mondo del surf. A fare da fil rouge, la camicia bianca indossata con robe bustier, casacche, blazer e gilet fantasia.

 milano-fashion-week-msgm-ss-2014

di Marilina Curci

0

NEWS

Eleonora Bruno è un’artista a tutto tondo. Classe 1987, toscana, crea nel 2009 il brand ELY.B. Eleonora Bruno, in cui sintetizza il suo talentuoso estro creativo in un brillante punto di vista nuovo nel panorama dei copricapo, traghettandoli verso forme e usi alternativi. Abbiamo avuto il piacere di farle qualche domanda, con l’obiettivo di entrare a far parte del suo universo simbolico così accattivante e sofisticato. keep reading

0

NEWS

 

Per l’edizione estiva di AltaRoma, l’Accademia di Costume e di Moda apre le sue porte sabato 7 luglio, dalle 16.30 sino alle 21.00, per presentare alla Stampa,  i progetti realizzati durante l’A.A. 2011-2012. L’albero della creatività ha le sue radici in Accademia e si ramifica all’esterno e generando i propri frutti: fashion designer e giovani stilisti ; Performance di contaminazioni arte moda; mostre fotografiche.

Per la sezione Fashion designer: Esposizione degli abiti ideati e creati da ex alunni dell’Accademia, attualmente stilisti professionisti e proprietari del proprio brand di moda: Aquilano Rimondi, Aroma 30, Bragia, Black Button, Chiara Baschieri, Gianni Sapone Couture, Hebe, Livia Risi, Marcomartinco, Requiem, Res Nullius, Retropose, Induere, Rossorame, Hevel+, 2B2G. I manichini di ARTE VETRINA ROMA vestiranno gli outfit delle loro collezioni, il cui allestimento è ideato e curato da Santo Costanzo, visual di Marco Sanna.

Aquilano Rimondi: dalla manifestazione del sogno, il sogno stesso diventa reale! Al centro di un universo immaginifico e futuribile, è una donna vestita di tela grezza bianca, pregiata, come la seta più ricercata. Il volume essenziale è studiato come le architetture stesse che la circondano. Ispirazione e risultato, la bellezza di una collezione basata sulla freschezza e sull’eleganza di una cultura incomparabile, prodotto italiano dal carattere internazionale e atemporale.

  keep reading

0

NEWS
  Ecco i finalisti che parteciperanno Who is on Next? 2012, il prossimo luglio nel calendario AltaRoma AltaModa (7 luglio – 11 luglio) PRET-à-PORTER Marcobologna di Marco Giugliano e Nicolò Bologna San Andres di Andres Caballero Barbara Casasola Mario Chiarella Koonhor, di Koon Lim e Catrine The Suzanne Susceptible di Cha Soo Jung, tra i selezionati della HotHouse di settembre Alessia Xoccato ACCESSORI Benedetta Bruzziches, reduce dalle selezioni di palazzo Morando Charline De Luca di Carlotta De Luca Giancarlo Petriglia Conspiracy di Gianluca Tamburini Zanchetti di Giacomo Zanchetti   A loro il nostro Inboccallupo!
0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 3NO NEW POSTS