Your address will show here +12 34 56 78
Blog, Interviste, People, Rubriche, Talents
sveta

Bella, elegante e talentuosa, Sveta è una giovane designer russa di prêt à porter che ha mosso i primi passi nel mondo del fashion lavorando come modella. Ha sfilato per stilisti del calibro di Armani, Gianfranco Ferré e Alexander McQueen e ha posato per noti fotografi come Terry Richardson, Ellen von Unwerth e Greg Lotus, ma non ha mai dimenticato la sua vera essenza e il sogno di diventare stilista. Così, approfittando di un lavoro a Milano, ha deciso di perfezionare la sua formazione, iscrivendosi all’Istituto Marangoni. A luglio 2014 ha realizzato la sua prima collezione e da lì non si è più fermata. keep reading

0

Blog, Rubriche, Talents
Sinergie complesse, interconnessioni e flash cromatici per “Synapses”, la collezione SS2016 di Flaminia Barosini.
mAHH52IrnaNYPKnC4p7-kqUaVymiVLuJwE4g0T0xNRY
I gioielli di Flaminia Barosini sono piccole opere scultoree che prendono forma fuori dal suo laboratorio romano. Tutti, infatti, sono interamente realizzati a mano attraverso l’antico procedimento della fusione a cera persa che ne assicura l’unicità e l’autenticità.
zxBb7jTsIpIeZG30yUtPGYb_y4uJ1P1-CMdwIjtLTAE
Per questa collezione Synapses le trame liquide del bronzo delineano un immaginifico trattato neuroestetico che muove dalle linee pure dei bangle multifilo per giungere alle ramificazioni dendritiche dei mono orecchini.
fuZErQ_ReuN7dW_xVzIrD4ueaiPpp7hvj_2pukt4CKc
Un linguaggio fluido che si estende anche agli ear cuff di matrice essenziale, agli anelli a motivi concentrici e ai chocker semirigidi: iterazioni di segmenti geometrici illuminate da impulsi luminosi e inserzioni di colore saturo.
Martina Briotti
0

Blog, NEWS, Talents, Trends

Volumi lineari e pattern eterogenei, superfici ruvide e dettagli siderali. Questi gli elementi che pervadono le silhouette dall’appeal geometrico della collezione FW15-16 di Project149.

pr

Venature iridescenti di ispirazione geologica e applicazioni in plexiglass per  bluse jacquard e cardigan di lana e cashmere. Geodi cristallini campeggiano su sweater e abiti dalle linee pulite, mentre il jersey tecnico  conferisce viscosità a micro top, gonne a trapezio e completi allprint. Immancabile il richiamo sporty – una costante nell’universo stilistico del brand – rintracciabile nei pantaloni cargo e nei dress scuba con coulisse in vita, come nelle bluse in felpa a motivo galaxy.

pr1La palette cromatica segue gli echi naturali: la scala rarefatta dei grigi interseca sottotoni ecrù per giungere poi al bronzo, al verde malachite, al blu avio fino al turchese e all’arancio fluo.

Martina Briotti

0

Blog, Rubriche, Talents, Trends

I delicati alberi di ciliegio e i meticolosi giardini zen sono la cornice di una rigorosa riflessione sulle forme tradizionali del Giappone, filo conduttore della Collezione Fall Winter 2015-2016 di Chiara Baschieri.

4xxnR4eNJ7Tc0twTwFPt5H7RYWo3pTorhkhI7fxbz7M,58M9V2_3b9YApqmOKPhijJkQQcA6O4ESoSJyvXycuw4

Le maniche a campana dall’effetto kimono dialogano con cappe e pantaloni dalle linee over, mentre coat oro in neoprene spalmato e lane cardate danno carattere alla leggerezza delle bluse in crepe de chine. Sperimentalismo materico e tradizione sartoriale nobilitano materiali poveri come la rafia, restituendone un allure sofisticato, anche laddove audaci tagli creano vertiginose scollature iperfemminili.

9GxYjjCp_-PAP2THEF5x4nWeGMZbEV74hCrLzQRkk58,-cBoZLb_p3nip2fd_kpPr1eeNCK6hrY3ntkpxj6dLKE

La palette cromatica segue le regole della Porcellana di Imari, muovendosi dai toni del bianco, nero e grigio a quelli più accesi del blu elettrico e dell’arancio ossido. Completano il look, poi, le clutch e le cartelle in pelle di vitello e cavallino nei cui dettagli, quasi grezzi e granulosi al tatto, si celano raffinate cesellature geometriche, secondo il naturale approccio allo sperimentalismo artigianale giapponese.

Martina Briotti

0

Blog, Talents, Trends

La sacralità epica del popolo delle Janas – secondo le leggende minute fatine tessitrici dell’entroterra sardo – è il punto di partenza per la collezione FW 15-16 di Quattromani. Il duo composto da Massimo Noli e Nicola Frau ha portato in passerella, per la prossima stagione fredda, silhouette lineari e forme asciutte di ispirazione 70’s combinate alla ricchezza materica e a un costante approccio sperimentale. Le piccole Janas, disegnate per Quattromani dall’artista visuale La Fille Bertha, si rivelano in un simbolico rituale prodigioso, su camicie e maxi dress.

quattro1

«Il mondo delle leggende è magico e misterioso» racconta La Fille Bertha «lascia ampio spazio all’immaginazione e all’interpretazione. Altrettanto magico è stato interpretare per Quattromani questo tema a me caro, che ricorre come un fil rouge fin dalla mia infanzia. Le due figure femminili incarnano simbolicamente una l’aspetto vampiresco delle Janas, l’altra quello fatato».

quattro2

L’attenzione è focalizzata sulla maglieria, con shirt, body slim fit e pantaloni svasati, completati da inserti eco-fur e finiture lurex effetto stripes double color. Morbidezza ricercata anche nei capospalla, nel poncho in lana merinos e nei dettagli pon pon di minidress, sweater e culotte.

La palette cromatica spazia dal solare bianco lana fino al rosa, lilla e cammello, stupendo nei lampi purpurei, canarini e cremisi, per fermarsi poi su più ombrati cenerini, blu e nero. A completare i look, infine, mini clutch nero carbone, in vernice e borchiette dorate, piattine mini e maxi e i bauletti in pelle cipria.

 Martina Briotti
0

Blog, Talents, Trends

Prendete Vienna e il suo classicismo settecentesco. Lasciatevi trasportare per un momento dalle armoniche sinfonie di Mozart e Beethoven. Vi ritroverete così nel mondo dal quale parte l’ispirazione per la collezione FW2015|16 di Trenta7 by Eleonora Moccia.

Tra armonia ed eleganza, antichi palazzi e teatri, drappeggi e rossi sipari di velluto, l’immaginario rococò della designer si traduce così nelle nappine alla caviglia di decolleté con calzino o scollate, nei mocassini bicolor, nelle chiusure a cartella interscambiabili e negli stivali dal mood soldier.

trenta71 trenta72 Accanto alla classica nappa e vitello, ecco che la designer romana, classe 1981, accosta il velluto e il raso, fino ad elementi in eco-fur dai colori accesi. La palette cromatica spazia dal giallo senape, al viola, al verde salvia, passando per il nero assoluto, il blu ottanio fino a un iconico oro.

Martina Briotti

0

Accessory, Blog, Talents
Accenti wild e rigore geometrico. Queste le parole chiave per la collezione FW15/16 di Federica Gatti, designer del brand F2A. Romana, classe 1990, la giovanissima designer per l’inverno che verrà esplora nuove forme di dialogo tra volumi fluidi e pattern eterogenei.
f2aok1
Il gioco incessante di contrapposizioni diviene il punto di partenza per la costruzione di shoulder bag, maxi tote sfoderate tagliate a vivo e clutch-bauletto che sembrano traslate dall’universo concettuale di Anish Kapoor. Anche per questa stagione, poi, le linee pulite, le campiture di colore saturo, insieme alla componente metallica rimangono costanti stilistiche proprie del brand.
F2Aok
Variegata la gamma cromatica, che gioca con sui forti contrasti, passando dai toni decisi del nero assoluto e cioccolato, al rosa peonia, fino ad arrivare alla stampa cow, vero tratto distintivo, tutto rigorosamente in prezioso cavallino.
Martina Briotti
0

Blog, Talents
[Best_Wordpress_Gallery gallery_type=”image_browser” theme_id=”1″ gallery_id=”5″ sort_by=”order” order_by=”asc” show_search_box=”0″ search_box_width=”180″ image_browser_width=”800″ image_browser_title_enable=”1″ image_browser_description_enable=”1″ thumb_click_action=”undefined” thumb_link_target=”undefined” popup_fullscreen=”0″ popup_autoplay=”0″ popup_width=”800″ popup_height=”500″ popup_effect=”fade” popup_interval=”5″ popup_enable_filmstrip=”1″ popup_filmstrip_height=”70″ popup_enable_ctrl_btn=”1″ popup_enable_fullscreen=”1″ popup_enable_info=”1″ popup_info_always_show=”0″ popup_enable_rate=”0″ popup_enable_comment=”1″ popup_hit_counter=”0″ popup_enable_facebook=”1″ popup_enable_twitter=”1″ popup_enable_google=”1″ popup_enable_pinterest=”0″ popup_enable_tumblr=”0″ watermark_type=”none” watermark_link=”http://web-dorado.com”]

Sapori di atmosfere orientali nei drappi che avvolgono il corpo, suggestioni zen dell’Oriente del Mondo, dall’India al Marocco, nei tessuti annodati e nei colori caldi e speziati della terra, tra zafferano, curcuma e curry. keep reading

0

Blog, Talents

IMG_7620

Come da tradizione, in occasione della settimana della moda meneghina, Palazzo Morando è tornato a vestirsi di talento. Vetrina dello scouting internazionale di Vogue Italia, lo storico stabile settecentesco di via Sant’Andrea, nel cuore del quadrilatero della moda, ha ospitato, dal 18 al 21 settembre, i giovani designer protagonisti di Who Is On Next? e Vogue Talents. Dopo l’esclusivo evento di inaugurazione, andato in scena mercoledì 17 settembre, i riflettori sono rimasti accesi sulle creazioni degli stilisti per i quattro giorni successivi. keep reading

0

Blog, MODA UOMO, NEWS, People, Talents

Una giuria composta da buyer, giornalisti e influencer ha decretato ieri i vincitori della sesta edizione di Who’s on next Uomo, il concorso destinato alla ricerca di nuovi talenti della moda maschile. Nelle due categorie del concorso, pret-à-porter e accessori, vincono rispettivamente T.Lipop per Tom Lipop e Alberto Premi per Alberto premi Design. keep reading

0

Blog, NEWS, People, Talents

A Firenze sarà un giugno decisivo per il futuro del menswear. In programma, infatti, dal 17 al 20 del prossimo mese Pitti Immagine, sul cui sfondo si terrà la finale della sesta edizione di Who Is On Next? Uomo 2014, il contenitore di talenti italiani (o di base in Italia, va specificato) che vede la collaborazione di Pitti Immagine Uomo, Altaroma e L’Uomo Vogue.

tavola1 In finale, tra gli altri, Studiopretzel, brand dal design inedito la cui mente si chiama Emiliano Laszlo. Classe 1978, Emiliano nasce a Firenze e dopo un percorso di studi classici, intreccia la sua vita al teatro e al cinema, formandosi tra Firenze e Bologna e girando l’Italia in tournée come attore e aiuto-regista. Non solo, impegna parte del suo tempo anche nello studio della fotografia, diplomandosi presso la Fondazione Studio Marangoni della sua città. Si avvicina alla moda nel 2011, creando, appunto, Studiopretzel. keep reading

0

Blog, People, Talents

Sacred Feminine di Marco Grisolia esplora lo spazio virtuale che è casa della creazione: Tumblr. L’ispirazione per la collezione FW14-15 arriva dai lavori di Frank Hülsbomer e Chad Wys e si approccia al decorativismo ipervisuale che li accomuna nei colori, nelle intenzioni e nel tentativo di conciliare passato e presente. La sacralità del primo sposa la velocità comunicativa del secondo e il rococò ornamentale si fa pop. keep reading

0

Blog, People, Talents

Un mondo fatto di sensualità e romanticismo, sporcato di ironia. La Rag Doll di Vivetta Ponti, giovane designer milanese creatrice nel 2009 del brand Vivetta, è la protagonista indiscussa della collezione autunno-inverno 2014-15. L’ispirazione arriva da un’altra epoca, da altre storie e da altri vissuti: il magico universo delle bambole Lenci, azienda torinese fondata nei primi anni del Novecento da Enrico Savini, viene stravolto, ridefinendone volumi e forme, contaminandolo di un gusto sixties e accessoriandolo con un tocco di surrealiasmo.

vivetta-fall-winter-14-15-lookbook-2

 “Ludus est nobis constanter industria”, il gioco è la nostra più costante attività: questo era il motto dell’azienda di Savini. E del gioco Vivetta si fa portavoce, creando nuove decorazioni e nuovi ricami. Un gioco di tagli che diventa passepartout e si concretizza in abiti dal gusto vagamente anni Settanta. Elementi macro compaiono su giacche e cappotti, nelle stampe a pois e moiré, che reinterpretano le antiche tappezzerie di inizio Novecento.

Le linee sono fluide e versatili, sempre confortevoli, e corrono lungo la silhouette, scoprendo e coprendo le gambe, esaltando come mai la femminilità. Suggestioni botaniche raccontano di ricami ispirati alle farfalle, impressi sui collari, ambasciatori del più autentico made in Italy.

vivetta-fall-winter-14-15

La sperimentazione materica si gioca sul terreno del contrasto: l’innovazione del broccato francese stretch o del popeline di cotone per camicie e abiti, si innesta con la tradizione, intrecciandosi col neoprene. La palette cromatica concretizza il mood della collezione: nero, blu, celeste, arancio, rosa e bianco.

vivetta-2014-15-shoes

Completa il look una gamma di accessori che riassume l’entusiasmo dell’intera collezione: calzature arricchite da decorazioni e fiocchi, mocassini d’argento e pumps bicolore trasparenti in bianco e nero parlano la lingua di questa donna che contagia con la sua gioia di vivere. Una donna che sperimenta, anche e soprattutto nel look. Un’idea dinamica ed estremamente contemporanea di eleganza.

Andrea Pesaola

0

Blog, Interviste, Talents

Un brand giovanissimo quello creato da Federica Berardelli, designer romana di accessori e borse, da poco entrato all’interno del fashion system. Le sue creazioni sono pezzi unici, curati in ogni dettaglio durante tutte le fasi di produzione, completamente Made in Italy e dai materiali altamente pregiati: pelle, pitone, lino e raso tecnico vengono impreziositi, inoltre, da gioielli che rendono il tutto un mix elegante, accattivante ed esclusivo. Ogni modello ha una propria personalità, un’anima che rispecchia la donna forte, intraprendente e fuori da ogni schema, immaginata da Federica Berardelli. Ed è proprio per questo che piace. keep reading

0

Blog, Talents, Talents Editorial
  Nella materia oscura fulgide possibilità espressive, bagliori, luminescenze metalliche. Energia enigmatica e arcane definizioni. Tensione e staticità, elasticità e contrazione.

[flgallery id=108 /]

Ph. Marco D’Amico | Stylist Marco Grisolia | Editor Romina Toscano | Makeup&hair Antonio Ciaramella | Model Mariana @ Why Not Models Powered by Studio DModa Brand List Emanuela Naccarati F2A Federica Berardelli Flaminia Barosini Giuliana Mancinelli Bonafaccia Marco Grisolia Quattromani Tags Trenta7
0

Blog, Talents

“Martini dry per tutti? Non c’è miglior tranquillante.” Il fascino discreto della borghesia, Luis Buñuel – 1972

Una foto di famiglia. Il dettaglio della madre che interpreta il ruolo di signora per bene. Fermare quell’attimo, plastificarlo, piegarlo al volere dei ricordi e cucirgli addosso una collezione che trae ispirazione dal guardaroba classico femminile. Il passato si fa presente. Un cortocircuito di emozioni che spazia su più dimensioni: quella epica della ribellione che fu, quella armoniosa, discreta, monolitica della piccola borghesia italiana. keep reading

0

Blog, NEWS, People, Talents

La più semplice delle intuizioni è il fil rouge della collezione autunno-inverno 2014/2015 di Mario Chiarella: ogni donna è una principessa, ogni look realizza un sogno. Dietro queste creazioni non c’è la retorica e la banalità di un pensiero già sviscerato, piuttosto la ferma volontà di esaltare la figura femminile donandole la preziosità di capi senza tempo, principeschi ma contemporanei, estreamamente portabili. Accessibili.

keep reading

0

Blog, Talents

Quando il mondo della moda si incontra con quello artistico nascono lavori magistrali come quello della tatuatrice abruzzese Claudia Cubo che si fa sarta dell’arte e imbastisce un artwork perfettamente riuscito sulla storica modella Eva Herzigova. Forbici, bottoni, manichini e spille da balia, assemblati ad arte, ridisegnano il volto della super top attualmente impegnata nella conduzione del programma televisivo Project Runway. Ciò che subito cattura è lo sguardo, tanto ipnotico da distogliere l’attenzione sul fatto che il resto del volto si componga di oggetti del fashion inanimati.

L’artista con la passione per l’illustratore Renzo Vespignani s’ispira al pittore cinquecentesco Giuseppe Arcimboldo, indaga il suo universo visionario e ne estrapola un mondo fatto di contaminazioni in cui l’arte si mixa ad altri elementi, esseri viventi nel caso del pittore e elementi cardine del lavoro di stilista in quello dell’artista di Giulianova, attraverso associazioni al limite del dadaismo che ne fanno uno strumento di riflessione.

È un nuovo modo di approcciarsi alla moda il suo che già avevamo avuto modo di esplorare in occasione di ‘Talents Container’, il percorso multimediale e interattivo creato da Studio DModa per promuovere il talento dei miglior artisti e designer emergenti italiani, per il quale aveva creato l’artwork di presentazione, trasformando graficamente l’energia creativa dell’evento, e rielaborando e sintetizzando, attraverso la sua creatività, le cifre stilistiche dei designer scelti.

  Mara Franzese
0

Blog, Fashion Show, Talents

Marco De Vincenzo porta in passerella lo Spazialismo, con una silhouette che ci trasporta immediatamente negli anni Cinquanta. Sofisticata, pulita, minimale: la collezione Autunno Inverno 2014 2015 è un capolavoro di forme e linee.

Le redini del discorso sono subito affidate alle silhouette anni Cinquanta, che si palesano sotto forma di ampie gonne a tulipano, longuette svasate e camicie le cui spalle pronunciate esaltano l’incedere in passerella della donna. Nient’altro: l’estrema pulizia delle forme lascia spazio alla duplicità di una collezione che sì volge lo sguardo al più classico dei design, ma scopre anche la sua essenza più contemporanea.

De-Vincenzo-ss-14

E allora ecco che i volumi giocano con la tridimensionalità, assai cara a De Vincenzo, e si mescolano al decoratissimo grafico e materico, vero tratto distintivo del designer. Solo l’occhio allenato coglie la miriade di dettagli spaziali disseminati in tutta la collezione: porzioni di glitter si affacciano da capi rigorosi, scintille cangianti movimentano anche il più rigoroso dei cappotti, onde e ricami impeccabili giocano sul corpo a creare nuovi capi.

De-Vincenzo-PE-2014

Una sperimentazione che coinvolge anche i tessuti e i materiali, il vero banco di prova in cui eccelle De Vincenzo: lana, mohair e pelliccia si innestano con lurex, jersey e shearling. La seta e la lana si fondono, correndo sulle forme dritte che pian piano si piegano e si svasano.

De-Vincenzo-Primavera-Estate-2014

La scarpa significa l’outfit, e non è più corredo ma spiegazione, intenzione: gli ankle boot dalla forma sinuosa sono il riassunto perfetto di una collezione che, già a partire dallo styling in passerella, detta regole chiare e nette: pulizia, rigore, design contemporaneo.

De-Vincenzo-Spring-Summer-2014

Marco De Vincenzo è già da qualche stagione il punto di riferimento di una moda non urlata, ma di forte impatto. Il rigore della perfezione.

Andrea Pesaola

0

Blog, Interviste, Talents

Tout Court Moi: un nome francese che rispecchia totalmente la filosofia che guida Enrica Baliviera, designer di questo brand creato nel 2010. Lei non segue le diverse stagioni o le particolari tendenze, ma ascolta le sue intuizioni e i suoi slanci di creatività per dare vita a pezzi unici: bijoux e mascherine da notte o da viaggio realizzati a mano, rielaborando accessori vintage attraverso un tocco contemporaneo. Sembra di iniziare un viaggio nel tempo con i suoi gioielli dal gusto retrò-chic, gioielli che raccontano storie e che possono essere interpretati diversamente in base alla personalità della donna che lo indossa. Perché le creazioni Tout Court Moi si vivono. Un equilibrio tra passato e presente, eleganza e sensualità, semplicità e vistosità. keep reading

0

Blog, Talents

Spesso non pensiamo a cosa mettiamo ai piedi. Troppe volte partiamo dall’abito e trascuriamo l’accessorio per eccellenza che, se scelto a cuor leggero, può avvelenare il nostro look: le scarpe. Con loro entriamo letteralmente nelle mille dimensioni quotidiane. È solo grazie a loro che un insipido outfit può trasformarsi in un capolavoro di contemporanea bellezza. keep reading

0

PREVIOUS POSTSPage 1 of 8NO NEW POSTS