Your address will show here +12 34 56 78
Blog, Interviste

Eliana Riccio, napoletana classe ’86, si laurea nel 2014 presso l’Istituto Superiore di Design di Napoli. Dopo gli studi , decide di fondare il suo brand Rosemari, la cui prima collezione Fall/Winter 2017-2018 è un tributo alle note ironiche e fresche dell’arte surrealista.

Abbiamo posto qualche domanda ad Eliana Riccio riguardanti il suo lavoro e le sue passioni, senza sottrarla a qualche curiosità da raccontarci.

 

C’è stato qualcuno che ti ha ispirata nel tuo lavoro, nella creazione di Rosemari?

Mia nonna mi ha influenzato molto in quello che faccio. Mi affascinava guardarla mentre si preparava, era una sorta di rito che riusciva quasi ad ipnotizzarmi, poi prendevo le sue riviste di moda e mi divertivo a sfogliarle e ad immaginare varianti dell’abito che vedevo su quei vecchi Vogue.

In quale città ti senti veramente a casa e magari ispirata per iniziare a lavorare ad una nuova collezione?

Io sono di Napoli e la mia città è parte di me, del mio lavoro. Però ho avuto la fortuna di poter passare 6 mesi in California e li mi sono sentita accolta e protetta. Ho creato la collezione SS18 di Rosemari, cui ho dato il nome della città in cui ho vissuto: Santa Cruz.

Hai qualche rito specifico da adottare prima di ogni tuo fashion show o di una presentazione?

Non credo di avere dei rituali particolari. Sono una persona timida e questo genere di situazioni mi mette sotto pressione, quindi cerco di concentrarmi su me stessa e di pensare alla collezione e devo dire che questo mi dà la forza e la sicurezza per affrontare  questo genere di eventi.

Hai degli hobbies che si distaccano completamente dalla moda?

Quando posso corro. Mi piace molto passeggiare all’aria aperta. Però la cosa che adoro più fare è sicuramente viaggiare. Quando ho un secondo libero dal mio lavoro, preparo la valigia e scappo.

Se ti portassero su un’isola deserta e potessi portare solo un oggetto con te, cosa porteresti?

Non saprei proprio, perché un oggetto solo è davvero troppo poco. Forse porterei la musica, io adoro ascoltare musica in qualsiasi momento della giornata.

0